Attenzione non è stato specificato nessun termine da ricercare.

Vai alla pagina precedente
Aggiungi ai preferiti
Invia pagina via mail Stampa la pagina corrente Carattere piccolo Carattere normale Carattere grande 
Visualizza per la stampa Visualizza per la stampa

Lotte politiche e sociali in Basilicata : 1898-1922

 

Autore:Nino Calice

Editore: Caliceditori

Anno: 2008

lotte-politiche_0La guerra, secondo Calice, opera come una leva gigantesca, che accelera i processi e muta gli equilibri: è nel periodo bellico, nota giustamente l'Autore che si accumulano le tensioni che esplodono nel dopoguerra e si fissano alcune linee fondamentali su cui avverrà 1o scontro. La scelta interventista e patriottarda di alcuni grossi dirigenti socialisti - da Ettore Ciccotti a Pignatari - renderà ancora più difficile l'opera dei socialisti e più sensibile il loro isolamento; è nel corso della guerra che si sviluppano orientamenti critici contro di essa con caratteri particolari, corporativi ed anti-operai. Si tratta di fenomeni significativi non solo perché su di essi farà leva la grande proprietà per organizzare e dirigere il malcontento esistente ed accumulato, ma perché nell'incontro di questi elementi poggerà la ricostituzione del blocco agrario nel dopoguerra.

Questo libro di Calice copre una lacuna considerevole nella conoscenza della storia italiana post'unitaria, - la ricostruzione efficace ed incisiva della Basilicata, riesce a dare a vicende troppo spesso consegnate ad un respiro municipalistico un significato più generale, una volta collegate a nodi significativi della storia nazionale; fornisce una ipotesi documentata sulle linee di sviluppo democratico della Basilicata e sui significato della reazione fascista. ipotesi che andrebbe verificata su scala più ampia per una caratterizzazione del fascismo meridionale, che rimane ancora un problema aperto.